La società civile, la politica estera e la crisi dei rifugiati

La società civile, la politica estera e la crisi dei rifugiati

Oggi giornata a Bruxelles: prima alla riunione settimanale del Collegio dei Commissari per preparare il Consiglio Europeo di domani, poi alla plenaria del Comitato economico e sociale europeo, dove abbiamo parlato del ruolo che le imprese, i sindacati e le Ong possono svolgere nella nostra politica estera, perché è sempre più evidente che una politica estera efficace non può fare affidamento solo sui governi. Gli attori non-governativi hanno un peso crescente nella nostra regione e nel mondo: è nella società che spesso nascono i conflitti, ed è solo dalla società che possono arrivare soluzioni reali. Ho accennato anche al lavoro straordinario che la società civile sta mettendo in atto nell’accoglienza dei rifugiati. Troppo spesso in queste settimane sentiamo parlare del bisogno di “difendere i nostri confini” durante questa crisi: ma i confini si difendono dai nemici, non da chi fugge da una guerra. Non possiamo agire guidati dal panico, bisogna ragionare a mente lucida. E la razionalità ci dice che finora tutti i tentativi nazionali di risolvere la questione hanno fallito: la scelta è tra fallire ancora e provare a costruire una risposta efficace, cioè una risposta europea. Qui il video del mio intervento di...
Quando l’Europa è davvero unita

Quando l’Europa è davvero unita

Un Consiglio Affari Esteri importante, quello di oggi a Bruxelles. Importante per i temi in agenda – dalla situazione in Libia ai nostri rapporti con la Russia, dal rilancio del processo di pace in Medio Oriente al viaggio che sto programmando insieme ad altri colleghi Commissari in Iran – ma importante anche per la grande unità che stiamo dimostrando su ciascuna delle questioni sul tavolo. Leggiamo di continuo delle divisioni all’interno della nostra Unione, ma in riunioni come quella di oggi è evidente che abbiamo interessi e obiettivi comuni, anche e soprattutto sulle questioni più calde. Qui il video della conferenza stampa finale. Dopo il Consiglio altri due incontri importanti. Prima ho partecipato, insieme al presidente Ollanta Humala, alla firma dell’accordo che da domani consentirà ai nostri cittadini di viaggiare senza visto per periodi di breve durata. È l’ennesimo segnale di un rapporto sempre più stretto tra Europa e America Latina, dopo l’accordo di libera circolazione firmato con la Colombia due mesi fa, il rilancio dei rapporti con l’Argentina e lo storico accordo di cooperazione con Cuba della scorsa settimana. In serata ho presieduto il secondo consiglio di associazione con la Moldova, insieme al premier Pavel Filip. Come ribadito dal Consiglio Affari Esteri di oggi, abbiamo un interesse strategico a rafforzare i rapporti coi nostri vicini orientali. Aiutarli sulla strada delle riforme è interesse nostro e loro, e di tutti i cittadini di questo...
Cuba e Argentina, una pagina nuova. Poi a Parigi, per un’Europa della solidarietà

Cuba e Argentina, una pagina nuova. Poi a Parigi, per un’Europa della solidarietà

Scrivo di ritorno da un viaggio in Argentina e a Cuba, due Paesi diversi ma che hanno entrambi legami fortissimi con l’Europa (e l’Italia in particolare). Entrambi, in modi differenti e per storie differenti, stanno attraversando una fase di grande cambiamento e di apertura al resto del mondo. A Buenos Aires ho incontrato il presidente Mauricio Macri (di origine italiane), la mia collega e amica Ministra degli Esteri Susana Malcorra e diversi altri ministri per una sessione di lavoro sui dialoghi settoriali da avviare, oltre a una rappresentanza di imprenditori europei. Il messaggio che ho portato è che l’Europa è pronta a riannodare i fili di un rapporto storico, sia politico sia economico, che per troppi anni era stato interrotto. In particolare, abbiamo discusso di come far ripartire i negoziati tra Unione Europea e Mercosur (qui il video della conferenza stampa). Ma il momento per me più toccante è stata la visita al memoriale delle vittime del terrorismo di Stato degli anni Settanta e Ottanta. Su interminabili muri grigi, lungo la sponda del Rio della Plata, sono incisi i nomi di quasi diecimila persone uccise durante la dittatura militare. Giovani e giovanissimi, alcuni bambini, ragazze incinte – i figli e i nipoti di quelle madri e nonne di Plaza de Mayo che tante volte ho incontrato. La loro battaglia di verità deve restare nella memoria collettiva di tutti noi. La seconda tappa del mio viaggio è stata L’Avana. C’ero stata la prima volta da Alto rappresentante esattamente un anno fa e in quella occasione ci eravamo impegnati a chiudere entro un anno un Accordo bilaterale di dialogo politico e di cooperazione che avrebbe segnato un passo storico nelle nostre relazioni....