Difesa e sviluppo: scelte concrete per un’Europa più forte

Difesa e sviluppo: scelte concrete per un’Europa più forte

Ci sono tante cose da raccontare sugli ultimi tre giorni. Comincio con due temi in apparenza distanti, ma complementari e che procedono in parallelo: la difesa europea e la cooperazione allo sviluppo. Oggi ho presentato il Piano d’azione europeo per la difesa, che per la parte industriale e della ricerca ho preparato insieme a Jyrki Katainen e Elzbieta Bienkowska. Si tratta del secondo “pilastro” di un unico pacchetto sulla difesa europea: vogliamo rendere l’Europa più sicura con una politica di difesa davvero comune, con un’industria della difesa più forte, e con una cooperazione più stretta con la Nato. Qui la conferenza stampa di oggi.​ Per lo stesso motivo, oggi pomeriggio ho partecipato (prima volta per un Alto Rappresentante) a un’esercitazione congiunta organizzata dalla nostra Agenzia europea di difesa: perché c’è molto da fare per la difesa europea, ma alcune cose concrete, buone e importanti, le facciamo già. Il lavoro che stiamo facendo sulla difesa deriva dalla Strategia Globale che ho presentato l’estate scorsa: lavoriamo tutti insieme, Unione e Stati membri, perché insieme possiamo fare di più e fare meglio. Lo stesso vale nel campo dello sviluppo. Lunedì ho presieduto il Consiglio Affari Esteri nel formato sviluppo. Abbiamo parlato del lavoro in corso con i nostri amici africani, sui migration compact, ma anche del pacchetto di misure che ho presentato per realizzare concretamente gli Obiettivi di sviluppo sostenibile. Qui le parole che ho scambiato coi giornalisti dopo il Consiglio. Chiudo con tre incontri importanti. Lunedì ho accolto a Bruxelles il ministro degli Esteri indonesiano, Retno Marsudi, per la prima riunione del “Comitato congiunto” Unione Europea-Indonesia: è il segno di relazioni...
La morte di Fidel Castro. E poi Kosovo, Cipro e Siria

La morte di Fidel Castro. E poi Kosovo, Cipro e Siria

Non ho mai conosciuto Fidel Castro, ma ho avuto modo di incontrare diverse volte il fratello, il Presidente Raúl Castro, nelle mie visite ufficiali a L’Havana e in alcuni incontri internazionali in America Latina. In questi due anni ho lavorato molto insieme alle autorità cubane per concludere un accordo tra Unione Europea e Cuba, e normalizzare del tutto le relazioni con l’isola. Ci sono temi sui quali abbiamo profonde distanze, altri su cui siamo vicini. Su tutti, nessuno escluso, abbiamo deciso di parlarci francamente e lavorare insieme, riflettendo così anche a livello istituzionale un’amicizia che gli europei e i cubani non hanno mai smesso di coltivare. Continueremo a farlo, accompagnando l’isola in questo tempo di grandi cambiamenti. Qui il comunicato che ho fatto per la morte di Fidel. Tornando più vicini a noi, a Bruxelles ieri abbiamo tenuto un incontro a suo modo storico, il primo “Consiglio di associazione e stabilizzazione” tra Unione Europea e Kosovo. Un evento che segna un passo importante del paese sulla strada dell’integrazione europea. Ed è stata una bella giornata per il Kosovo e l’Unione Europea anche perché abbiamo firmato un accordo che permetterà ai cittadini kosovari di accedere a una serie di programmi europei, tra cui l’Erasmus. Qui la conferenza stampa dopo il Consiglio. In questi giorni ho anche chiamato il Presidente cipriota Nicos Anastasiades e il leader della comunità turco-cipriota Mustafa Akıncı, in un momento cruciale per i negoziati su Cipro. Entrambi mi hanno confermato la loro determinazione a portare avanti il processo di pace e a non sprecare un’opportunità storica, non solo per l’isola ma per tutta l’Europa e per l’intero Medio...
Due giorni di lavoro al Parlamento europeo

Due giorni di lavoro al Parlamento europeo

Scrivo di rientro da due giorni di lavori parlamentari a Strasburgo, dove ho introdotto nella plenaria del Parlamento Europeo molti dibattiti: in particolare, tra gli altri, quelli sui rapporti tra Unione Europea e Turchia (qui il video e il testo del mio intervento), sul nostro lavoro sulla Siria (qui i video del mio intervento in apertura di dibattito e della replica, qui il testo), sul rafforzamento della nostra cooperazione su difesa e sicurezza (qui spiego le nostre proposte, qui il dibattito). Sempre a Strasburgo, nella riunione del Collegio della Commissione Europea abbiamo adottato delle importanti proposte per la nostra politica di cooperazione allo sviluppo, che ci consentiranno di lavorare uniti, come europei, alla realizzazione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile approvati con l’Agenda 2030 l’anno scorso all’Onu. Ne abbiamo parlato oggi insieme alla Commissione Sviluppo del Parlamento. Qui il video della conferenza stampa. Infine, oggi abbiamo ricordato i dieci anni di stretta cooperazione tra Unione Europea e Consiglio d’Europa insieme al Segretario Generale Thorbjørn Jagland – sui diritti umani, lo stato di diritto, la democrazia sul nostro continente e nella nostra...
Tra difesa europea, Siria e Centrafrica

Tra difesa europea, Siria e Centrafrica

Scrivo mentre sono in viaggio per gli Emirati, dove domani parteciperò al Sir Bani Yas Forum con un panel sull’Iran. In questo momento è fondamentale preservare l’accordo sul nucleare tanto faticosamente raggiunto un anno fa, la cui piena realizzazione ho la responsabilità di garantire. Ma sarà soprattutto l’occasione per incontrare i ministri della regione e portare avanti il lavoro sul futuro della Siria che ho iniziato per l’Unione Europea in queste settimane, per costruire un terreno comune che le potenze regionali possano facilitare. Ne ho parlato oggi con i leader dell’opposizione siriana a Bruxelles (qui il comunicato sull’incontro), perché il futuro della Siria va disegnato innanzitutto dai siriani. E ne abbiamo parlato pochi giorni fa, sempre a Bruxelles, con il ministro degli Esteri del Libano Gebran Bassil, con il quale abbiamo anche concluso il “compact” per il nostro sostegno ai rifugiati siriani nel paese e concordato le priorità del nostro partenariato, proprio nel momento in cui il Libano lavora per superare le proprie divisioni interne, con l’elezione di un Presidente dopo più di due anni di stallo istituzionale (qui il video della nostra conferenza stampa). Ma questa è stata una settimana importante soprattutto per il lavoro che abbiamo fatto sulla sicurezza e la difesa europea con i ministri degli Esteri e della Difesa dei 28. Lunedì tutti gli Stati Membri hanno approvato le proposte che ho presentato per rafforzare la nostra cooperazione in questo settore: è un vero cambio di passo, fatto a 28, nel momento in cui l’Europa ha bisogno più che mai di rilanciare la sua unità, la capacità di guardare al futuro insieme, e di realizzare progetti...