Il dolore di Manchester. La nostra risposta

Il dolore di Manchester. La nostra risposta

Si chiude una settimana dolorosa, segnata dalla strage di lunedì sera a Manchester. Un attacco contro i giovani, la loro voglia di vivere, di stare insieme, di divertirsi insieme. Da mamma non riesco a non pensare al dolore infinito di quelle famiglie. Come istituzioni europee, abbiamo immediatamente offerto alla Gran Bretagna tutto il nostro sostegno, rafforzando lo scambio di informazioni e la collaborazione tra i nostri servizi di intelligence. Ma la risposta più forte sta nella voglia di continuare a vivere. “We don’t look back in anger”, guardiamo avanti con speranza e non indietro con rabbia, cantavano e dicevano le persone che si sono raccolte, per reagire insieme, per le strade di Manchester. Anche del nostro lavoro comune contro il terrorismo abbiamo parlato a Bruxelles giovedì con Donald Trump, che ha visitato le istituzioni europee nel corso del suo primo viaggio all’estero da presidente americano, dopo la visita del Vice-presidente Mike Pence nel primo mese della nuova Amministrazione, e i tanti incontri che ho avuto con Rex Tillerson, James Mattis, HR McMaster, Jason Greenblatt, Nikki Haley. Stati Uniti e Unione Europea continuano a lavorare insieme: sia sulle priorità comuni – dalla Siria all’Ucraina – sia sulle questioni sulle quali le nostre posizioni sono diverse – anche su quelle il confronto e il dialogo restano aperti, e utili. E questa settimana abbiamo avuto anche la prima visita a Bruxelles di Emmanuel Macron da presidente. Con lui e con il ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian ho parlato del lavoro comune che ci attende e di come rilanciare e rafforzare la nostra Unione Europea. Anche nel settore della sicurezza e della difesa. Infatti questa...
Di ritorno dalla Giordania. Passi concreti su difesa europea e sviluppo

Di ritorno dalla Giordania. Passi concreti su difesa europea e sviluppo

Scrivo di ritorno dalla Giordania, dove ho partecipato al World Economic Forum per il Medio Oriente, occasione di incontro con tanti partner importanti per il nostro lavoro nella regione, e oltre: dal re di Giordania Abdullah al re di Spagna Felipe; dal premier georgiano Giorgi Kvirikashvili al presidente del Niger Mahamadou Issoufou; da Chemi Peres, del Peres Centre for Peace, a Tzipi Livni; da William Lacy Swing dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni a Peter Maurer della Croce Rossa​. Al Forum ho discusso anche del futuro dell’Europa e di quello della Siria, e parlato con i giornalisti della rielezione di Hassan Rouhani in Iran – una notizia importante per tutta la regione.   Iranians took passionately part to political life of their country. I congratulate President @HassanRouhani for strong mandate received 1/2 — Federica Mogherini (@FedericaMog) 20 maggio 2017 #EU ready to continue work for full JCPOA implementation, bilat engagement, regional peace, and meet expectations of all people in #Iran 2/2 — Federica Mogherini (@FedericaMog) 20 maggio 2017 Il Medio Oriente è stato al centro anche dei lavori della plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo, la settimana scorsa. Qui il mio intervento in aula sulla Siria, e la replica ai parlamentari. Qui il discorso sulla situazione dei cristiani in Medio Oriente e il dibattito (in italiano). E qui un mio commento alle belle e importanti parole che il Segretario Generale dell’Onu Antonio Guterres ci ha rivolto in aula a Strasburgo, sul valore della nostra Unione Europea per il mondo. Ma quella che si è conclusa è stata soprattutto una settimana importante di lavoro con i ministri dei Ventotto, in particolare sulla nostra difesa...
Tra i Baltico e il Mediterraneo

Tra i Baltico e il Mediterraneo

Quella che si è conclusa è stata una settimana che, dopo la visita alle Nazioni Unite a New York, ho passato tra nord e sud, tra il Mediterraneo e il Baltico. Scrivo di ritorno da Roma, dove è stata un’emozione per me tornare alla Camera, per aprire insieme a Laura Boldrini e a Piero Grasso l’Assemblea parlamentare dell’Unione per il Mediterraneo. Insieme ai parlamentari dei paesi dell’Unione Europea, dei Balcani, del Medio Oriente e del Nord Africa, abbiamo discusso del lavoro che stiamo facendo per rimuovere ostacoli e costruire nuovi canali di accesso – soprattutto per i giovani e le donne – al mercato del lavoro, alle istituzioni, alla partecipazione nella società e in politica. Qui il mio intervento. Mercoledì, a Bruxelles, avevo incontrato alcuni dei nostri vicini del Mediterraneo: il ministro degli esteri tunisino Khémaies Jhinaoui, per preparare il Consiglio di associazione tra Unione Europea e Tunisia, con un’attenzione particolare proprio alle opportunità per i giovani (qui il comunicato); e il ministro turco per l’Europa, Omer Celik, per parlare del futuro dei nostri rapporti con la Turchia. Giovedì il lavoro sul versante sud è proseguito alla conferenza per la Somalia, a Londra, con il Segretario Generale dell’Onu Antonio Guterres, e il Presidente dell’Unione Africana Moussa Faki – che sarà con noi domani a Bruxelles, per un Consiglio dei Ministri degli Esteri dei 28 stati membri quasi interamente dedicato all’Africa. Qui il mio intervento alla conferenza sulla Somalia, qui quello alla sessione sugli aiuti umanitari per far fronte alla carestia che sta affliggendo il Corno d’Africa. Dal sud al nord, venerdì ero in Estonia, per preparare insieme il primo semestre di...