L’Europa della cooperazione e del multilateralismo

L’Europa della cooperazione e del multilateralismo

Scrivo alla fine di una settimana in cui come Unione europea abbiamo ribadito e rafforzato i principi fondanti della nostra politica estera: cooperazione e multilateralismo, dialogo e ricerca di soluzioni che rafforzino la stabilità, la crescita economica e la sicurezza nostra e dei nostri partner. Negli ultimi giorni abbiamo lavorato molto con l’Africa, cui ci lega ormai una collaborazione strettissima, utile a entrambi. Martedì ho incontrato a Bruxelles il presidente del Gambia Adama Barrow e il suo governo: abbiamo raccolto più di un miliardo di euro dalla comunità internazionale per sostenere un paese che è uscito in modo pacifico da un regime autoritario. Qui il mio discorso, qui il comunicato. Mercoledì insieme a tutta la Commissione europea abbiamo incontrato la Commissione dell’Unione africana. Insieme con i commissari e il presidente Moussa Faki, con cui ho avuto anche un lungo colloquio bilaterale, abbiamo deciso di portare avanti la nostra cooperazione su sicurezza, sviluppo economico, gestione sostenibile dei flussi migratori, e sulle grandi questioni internazionali come l’accordo con l’Iran. Qui il comunicato. E l’intesa sul nucleare resta centrale: continuiamo a lavorare per preservarla, come Unione europea e insieme ai nostri partner internazionali, perché smantellare un accordo che sta funzionando non aiuterebbe in alcun modo a rafforzare la nostra sicurezza, al contrario. Questa settimana l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha certificato per la dodicesima volta che l’Iran sta rispettando gli impegni presi. Venerdì, a Vienna, l’Unione europea ha presieduto un nuovo incontro della Commissione congiunta sull’accordo, dove abbiamo ribadito l’impegno di tutti a preservare l’intesa (qui il comunicato). Ne ho parlato anche allo European Business Summit (qui il video), e porteremo avanti...
Al lavoro per salvare l’accordo sul nucleare iraniano

Al lavoro per salvare l’accordo sul nucleare iraniano

Scrivo da Sofia, in Bulgaria, dopo giornate in cui l’accordo sul nucleare iraniano e le nuove tensioni in Medio Oriente sono state al centro di un lavoro intenso e comune di tutta l’Unione europea. Come Unione europea riteniamo che la decisione statunitense di ritirarsi dall’accordo sul nucleare iraniano sia un errore, e siamo determinati e uniti nell’intenzione di preservare quell’accordo. È un accordo che funziona, come ha per undici volte certificato l’Aiea, e che è strategico per la nostra sicurezza. Qui il mio intervento dopo l’annuncio della decisione americana, qui la dichiarazione che ho fatto a nome di tutti e 28 i paesi dell’Unione. Martedì ho riunito a Bruxelles il ministro degli Esteri iraniano, Javad Zarif e i ministri di Germania, Francia e Gran Bretagna – i tre paesi europei che, insieme a Stati Uniti, Russia e Cina hanno negoziato l’accordo. Insieme abbiamo deciso di iniziare a lavorare da subito su una serie di misure per mettere in sicurezza l’intesa, per far sì che i cittadini iraniani ne sentano i benefici, e per proteggere i nostri interessi economici. L’intenzione è di mantenere e approfondire i rapporti economici, anche con nuovi progetti – a cominciare dal campo energetico e dei trasporti – e di tutelare e incentivare le piccole e medie imprese europee che investono in Iran. La stessa unanime volontà di continuare a rispettare l’intesa è stata confermata ieri sera a Sofia dai capi di Stato e di governo dei 28 Stati membri dell’Unione, che hanno dato il loro avallo alle misure che in mattinata avevamo messo a punto durante la riunione della commissione a Bruxelles e che abbiamo...

Verso un’Europa della difesa

Scrivo di ritorno dalla Bulgaria, dove ho presieduto una riunione informale dei ministri della Difesa dell’Unione. Abbiamo lavorato su alcuni dei progetti concreti che abbiamo avviato per costruire, per la prima volta nella nostra storia, una Europa della difesa. E abbiamo parlato di peacekeeping con due partner importanti: il vice-segretario generale della Nato Rose Gottemoeller e il vice-segretario generate dell’Onu Jean-Pierre Lacroix. Qui le parole che ho scambiato coi giornalisti prima e dopo l’incontro. Abbiamo discusso anche del nuovo bilancio dell’Unione europea, che per la prima volta si occuperà anche di difesa e sicurezza per i nostri cittadini. Mercoledì, come Commissione europea, abbiamo avanzato la nostra proposta per un bilancio che contiene delle altre novità importanti, come il raddoppio dei fondi per il programma Erasmus. Qui la proposta. La settimana era iniziata al Cairo con la riunione del Quartetto sulla Libia – insieme alla Lega araba, l’Unione africana e le Nazioni Unite. Qui la conferenza stampa dopo l’incontro. E dal Cairo ho commentato le dichiarazioni del premier israeliano Benjamin Netanyahu sull’Iran: ho ribadito che l’accordo si fonda sui controlli rigorosi dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, non sulla fiducia tra le parti. Tutti i controlli dell’Aiea hanno finora certificato che gli accordi sono stati mantenuti. Qui la mia risposta ai giornalisti. Altre cose importanti della settimana. Giovedì ho presieduto il Consiglio di associazione con la Moldova – qui la conferenza stampa dopo il Consiglio. Mercoledì sono intervenuta al Parlamento europeo, per parlare della crisi politica in Venezuela – qui il mio intervento. Poi un incontro col premier somalo Hassan Ali Khaire (qui il comunicato) e una telefonata col presidente armeno...