Cittadini o spettatori? Il mio discorso per i 25 anni di Maastricht