Di ritorno dal Corno d’Africa. Poi in Italia per votare

Di ritorno dal Corno d’Africa. Poi in Italia per votare

Scrivo alla fine di una settimana trascorsa soprattutto nel Corno d’Africa. È una regione fondamentale per la stabilità della nostra regione e dell’Europa – basti pensare che per le acque dello Stretto di Aden passa il 20 per cento degli scambi commerciali dell’Europa col resto del mondo. Ed è una regione che sta attraversando grandi cambiamenti: da un lato il disgelo tra Etiopia ed Eritrea, e la transizione in Sudan; dall’altro la rivalità sempre più forte tra potenze regionali, anche per il controllo dei porti e delle acque intorno al Corno.

Ho iniziato la mia visita in Somalia, a Mogadiscio. Prima ho incontrato il premier Hassan Ali Khaire e il ministro degli Esteri Ahmed Issa Awad (qui le parole che ho scambiato coi giornalisti dopo gli incontri). Poi al quartier generale delle due missioni europee in Somalia, che addestrano le forze di sicurezza somale: un contributo fondamentale per la sicurezza dei cittadini somali, della regione e anche per la sicurezza dell’Europa.

Dalla Somalia al Kenya, uno dei motori economici del continente africano e un partner fondamentale per l’Europa e per le Nazioni Unite. Lì ho incontrato il presidente Uhuru Kenyatta, il ministro degli Esteri Monica Juma (qui la conferenza stampa) e il ministro degli Interni Fred Matiang’i. A Nairobi ho anche inaugurato la nuova ambasciata dell’Unione europea, la più grande in Africa e la seconda al mondo (qui il mio discorso), e ho incontrato un gruppo di giovani e di rappresentanti della società civile (video).

Ultima tappa a Gibuti, nello snodo strategico che unisce il Mar Rosso all’Oceano Indiano. Ho incontrato il presidente Ismail Omar Guelleh, il ministro degli Esteri Mahmoud Ali Yousouf (qui la conferenza stampa). Ho anche visitato la nostra operazione navale Atalanta, che negli ultimi dieci anni ha liberato dai pirati le acque di quei mari. Qui il mio discorso a bordo della nave italiana Carlo Margottini.

Di ritorno a Bruxelles, venerdì ho accolto il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodríguez. Abbiamo parlato dei nostri rapporti bilaterali dopo l’accordo storico che abbiamo firmato quasi tre anni fa, ma anche delle sanzioni americane e della situazione in Venezuela. Qui il comunicato.

E oggi sono in Italia per votare PD alle elezioni europee: un momento fondamentale per la nostra Unione, perché l’Europa è quello che tutti noi decidiamo di farne – anche col nostro voto.