L’Europa è quello che decidiamo di farne

L’Europa è quello che decidiamo di farne

L’Europa è quello che decidiamo di farne. È il messaggio di queste due giornate romane, che da celebrazione per i sessant’anni della nostra Europa unita si sono trasformate in occasione per rilanciare l’Unione. Con una volontà forte e rinnovata di tutti i 27 Stati Membri che, dopo l’uscita della Gran Bretagna, continueranno a costruire il proprio futuro insieme. Con passi concreti, perché il bisogno di un’Europa più unita si fa sentire nella vita quotidiana di tutti gli europei. Un bisogno di sicurezza e di protezione in un mondo fragile e globalizzato. Ma anche un’opportunità di crescita per le nostre aziende, di pace per la nostra regione, di diritti che siano davvero uguali per tutti.

E a Roma, con tutti i leader europei, abbiamo preso l’impegno ad andare avanti, concretamente, verso un’Europa più unita, e quindi più giusta, più forte, più solidale.

Qui alcuni degli eventi cui ho partecipato tra ieri e oggi. Ho iniziato alla Rai, ospite di UnoMattina (qui il video, dal minuto 48:12). Poi nella sala dell’Acquario romano, insieme al premier maltese Joseph Muscat, abbiamo risposto alle domande di tanti europei ed europee in un “Citizens Dialogue”. Durante la giornata ho incontrato anche i Rettori delle Università europee, il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (qui il video), i giovani federalisti.

Poi la sera con il Partito dei socialisti e democratici europei, perché un’Europa che innova e che protegge ha bisogno dell’impegno di noi democratici. L’Europa è quello che decidiamo di farne, insieme. Qui testo e video del mio discorso.

Stamattina alle celebrazioni ufficiali dei sessant’anni dei Trattati di Roma, poi al Quirinale col Presidente Mattarella, a chiusura di due belle giornate di lavoro davvero comune.

Chiudo con un link alle parole di Papa Francesco, che abbiamo incontrato ieri pomeriggio in Vaticano: una fonte di ispirazione costante per chi crede in un’Europa più forte, più giusta, più solidale e più unita.