Appunti da Cina e Mongolia (un anno dopo l’accordo con l’Iran)

Appunti da Cina e Mongolia (un anno dopo l’accordo con l’Iran)

Scrivo della Mongolia, dove sono per il summit dell’Asem, tra paesi europei e asiatici, seconda tappa della missione in Asia con i presidenti Jean-Claude Juncker e Donald Tusk. Ieri a Pechino per il vertice Cina-Unione Europea, dove ho presentato all’Accademia delle scienze la Strategia globale per la politica estera e di sicurezza dell’Unione (qui c’è il video della conferenza).

E scrivo, oggi, in un giorno speciale: esattamente un anno fa a Vienna firmavamo con l’Iran l’accordo sul nucleare. Da allora molti passi sono stati fatti. Le sanzioni internazionali collegate al programma nucleare iraniano sono state tolte e abbiamo gettato le fondamenta di una nuova collaborazione non solo economica, ma anche politica sulle crisi regionali. L’intesa ha dimostrato al mondo che se c’è volontà politica, grazie alla diplomazia multilaterale si possono trovare soluzioni anche per i problemi più difficili. E che un buon accordo tiene alla prova del tempo (qui il comunicato che ho fatto a nome dell’Unione).