Nel campo profughi di Cox’s Bazar, coi profughi Rohingya