Il ponte di Mitrovica e il futuro dei Balcani nell’Unione Europea

Il ponte di Mitrovica e il futuro dei Balcani nell’Unione Europea

Il ponte di Mitrovica è uno dei simboli delle lacerazioni, delle guerre e del dolore che hanno accompagnato la storia dei Balcani negli ultimi 25 anni. Ma può diventare ora simbolo di dialogo, di riconciliazione, di speranza. Voglio riprendere da qui il racconto dei miei giorni nei Balcani, dalla visita a Mitrovica, da quel ponte che ho percorso insieme ai giovani, agli amministratori, alle forze di polizia delle comunità serba e kosovara: pochi metri che separano profondamente due comunità, e che oggi grazie all’Unione Europea iniziano invece ad unirle. Qui il mio intervento di ieri sul ponte. In ognuna delle tappe di questa visita – importante, bella e a tratti difficile – ho incontrato l’energia e la speranza di ragazze e ragazzi che sono e si sentono pienamente europei, che vogliono per i loro paesi un futuro nell’Unione Europea, e chiedono a chi ha responsabilità istituzionali e politiche di percorrere con coerenza e determinazione quel percorso. È quello che chiedono ai loro governi, ai loro parlamenti, e anche a noi. Per questo il messaggio che ho portato, da Belgrado a Tirana, da Skopje a Sarajevo, da Pristina a Podgorica, è stato questo: le porte della nostra Unione sono aperte, e vogliamo un futuro che veda anche quella parte di Europa entrare nell’Unione Europea. Non è un sogno distante, ma un progetto realizzabile da questa generazione, nell’interesse della pace e della riconciliazione nella regione, della nostra sicurezza comune, della crescita economica di tutta l’Europa. E nel momento in cui iniziamo a riflettere sul futuro dell’Unione, dobbiamo farlo sapendo che per uno Stato Membro che lascerà l’UE ce ne saranno altri che entreranno...
A Malta, coi nostri partner africani e libici

A Malta, coi nostri partner africani e libici

Scrivo in viaggio verso gli Stati Uniti, dove avrò una serie di primi incontri con la nuova Amministrazione americana, a partire dal segretario di Stato Rex Tillerson e dal National Security Advisor Michael Flynn. Ne scriverò nei prossimi giorni. Ma oggi voglio raccontare innanzitutto una giornata importante di lavoro con la Presidenza maltese e con i nostri partner libici e africani. Prima all’incontro per fare il punto sul lavoro sulla migrazione che stiamo facendo insieme – Europa, Africa, organizzazioni internazionali come l’Agenzia Onu per i rifugiati (Unhcr) e l’Organizzazione per le migrazioni (Iom) – dopo il vertice di Valletta di un anno fa: smantellare le reti dei trafficanti, salvare vite, investire nello sviluppo locale. Un lavoro che inizia a dare i primi frutti, e che continueremo a portare avanti insieme. Cooperazione, partenariato, rispetto: questa è la via europea alla gestione delle migrazioni, ed è anche per questo che il nostro lavoro acquista un’importanza particolare, in un mondo che sempre più si chiude nell’illusione dei muri. Qui il video del mio intervento oggi a Malta. E il segno della cooperazione, del rispetto e del partenariato è anche quello che oggi ci ha portato a bordo della nave San Giorgio per consegnare, insieme al primo ministro maltese Joseph Muscat e al ministro della Difesa italiano Roberta Pinotti, i diplomi di fine corso al primo gruppo di guardiacoste libici addestrati dall’Operazione dell’Unione Europea Sophia. Nelle acque internazionali abbiamo in questo anno salvato più di 33.000 persone, consegnato alla giustizia più di 100 sospetti trafficanti, reso inutilizzabili quasi 400 imbarcazioni. Ora, con la formazione della guardia costiera libica, rafforzeremo la capacità dei nostri partner di operare nelle acque...
Dodici cose da portare nel 2017

Dodici cose da portare nel 2017

Primo giorno dell’anno, tempo di bilanci e propositi per i mesi che verranno. Il 2016 è stato un anno molto difficile, e il 2017 si apre con un terribile attacco a Istanbul che ci ricorda in modo drammatico che il lavoro da fare – per sconfiggere il terrorismo, così come per mettere fine ai troppi conflitti della regione – è un lavoro da fare insieme. Insieme, cercando e costruendo ogni giorno l’unità delle nostre comunità; e insieme ai nostri partner, iniziando dai nostri vicini. L’anno che inizia non sarà facile, ma ci sono alcune cose che siamo riusciti a costruire nel 2016 e che possiamo portare con noi per aiutarci lungo la strada. Questi sono i dodici momenti che porto con me, per guidare il lavoro di questo 2017.   Una Strategia Globale per la nostra politica estera È stata il frutto del lavoro di mesi, che si è concluso in un momento molto particolare.  I cittadini della Gran Bretagna avevano appena votato per lasciare l’Unione Europea. Alcuni pensavano fosse meglio aspettare tempi migliori, ma per me era ancora più importante, proprio in quelle ore, delineare una Strategia condivisa, di tutta l’Unione, per la nostra politica estera e di sicurezza comune. Così, dopo mesi di un grande lavoro collettivo, ho presentato la Strategia Globale al Consiglio Europeo del 28 giugno: un’idea chiara e condivisa sul percorso da seguire, sui bisogni dei nostri cittadini, su ciò che dobbiamo cambiare e – anche e soprattutto – sulla nostra forza, che dobbiamo usare in modo più orgoglioso e consapevole, insieme, da europei. Da giugno a oggi la Strategia Globale ha già iniziato a...
Diario dall’Onu, giorno 3: l’esempio della Colombia, il lavoro per Siria e Libia

Diario dall’Onu, giorno 3: l’esempio della Colombia, il lavoro per Siria e Libia

L’assemblea generale delle Nazioni Unite è un compendio dei drammi e dei successi del mondo. E così, il giorno dell’apertura ufficiale dell’Assemblea Generale, ho avuto la gioia e l’onore di ricevere dal Presidente Juan Manuel Santos una copia firmata da lui dello storico accordo di pace che lunedì siglerà con le Farc a Cartagena, a conclusione di un sanguinoso conflitto durato 50 anni. L’Unione europea ha sostenuto i negoziati in questi anni, e continueremo ad essere concretamente a fianco della Colombia nella realizzazione degli accordi. Il coraggio dimostrato dalla Colombia dovrebbe essere di esempio al mondo: per quanto difficile e doloroso sia, anche il più atroce dei conflitti alla fine si risolve con la politica e non con le armi (è il tema del video che ho registrato oggi per la Giornata mondiale della pace, qui). Ed è questa la strada che stiamo faticosamente cercando di percorrere sulla Siria, e su cui abbiamo lavorato alla riunione del Gruppo internazionale di sostegno che abbiamo tenuto a New York, e ancora in serata alla riunione informale dei ministri degli Esteri del G7. La situazione sul terreno continua a essere drammatica, l’attacco al convoglio di aiuti con le insegne del Programma alimentare mondiale è stato una violazione inaccettabile del diritto internazionale, una barbarie che mette a rischio la consegna di aiuti umanitari a centinaia di migliaia di persone allo stremo (qui c’è il mio comunicato congiunto con Christos Stylianides). Nonostante le difficoltà, la tregua concordata da Russia e Stati Uniti una settimana fa deve essere ripristinata e tenere. Spetta prima di tutto a Usa e Russia, in quanto co-presidenti del Gruppo, farla...
Tra tante difficoltà, piccoli segnali di speranza

Tra tante difficoltà, piccoli segnali di speranza

Settimana intensa e impegnativa qui a Bruxelles. Abbiamo iniziato lunedì mattina con il Consiglio Affari Esteri sulla Siria, e con una buona notizia: la Bosnia Erzegovina ha presentato ufficialmente la richiesta di entrare a far parte della nostra Unione Europea. Qualche settimana dopo il mio insediamento abbiamo deciso di rilanciare un processo che si era fermato, e in un anno di grande impegno con tutti i livelli di governo del paese, siamo arrivati a questo importante primo risultato. Il lavoro da fare è ancora molto, ma è una bellissima notizia per quei tanti giovani che in Bosnia Erzegovina sognano di trasformare il passato di guerra del proprio paese in un futuro di pace europea. Ed è una bella notizia per tutti i Balcani e per tutti noi: in un momento di profonda difficoltà per l’Unione, questa storia ci ricorda quanto è bella e preziosa la nostra integrazione. Lunedì sera ho poi accolto Javad Zarif, il ministro degli esteri iraniano, alla sua prima visita bilaterale ufficiale alle istituzioni europee. Abbiamo lavorato al rilancio delle relazioni bilaterali tra Europa e Iran dopo l’accordo sul nucleare, ma anche discusso delle prospettive della regione e delle forme di cooperazione che possono aiutare a renderle migliori. E proprio ieri – grazie all’accordo che abbiamo raggiunto a Monaco una settimana fa – 114 camion di aiuti umanitari hanno raggiunto cinque aree assediate della Siria. È un piccolo grande segnale di speranza, che ci incoraggia a continuare il lavoro difficile verso una cessazione delle ostilità e per il riavvio dei negoziati di Ginevra. Abbiamo parlato anche di questo al Consiglio europeo di ieri e oggi, che è...