Dopo il Consiglio europeo. Al lavoro per proteggere i civili di Aleppo

Dopo il Consiglio europeo. Al lavoro per proteggere i civili di Aleppo

Scrivo dopo un Consiglio europeo importante, in ore difficili, di contatti costanti per cercare di garantire la protezione dei civili ad Aleppo – e in tutta la Siria. Di Aleppo, del nostro aiuto umanitario, del lavoro fatto con le Nazioni Unite in queste ore per avviare l’evacuazione dei civili ad Aleppo e non solo, ma anche del nostro lavoro diplomatico per il futuro della Siria, per preparare una soluzione politica che consenta la transizione e la ricostruzione del Paese – di tutto questo abbiamo parlato al Consiglio. Ho aggiornato i capi di Stato e di governo sul lavoro fatto, sia sul piano umanitario sia su quello politico, e insieme abbiamo discusso dei passi successivi. Qui le parole che ho scambiato coi giornalisti, qui le conclusioni del Consiglio sulla Siria. Al Consiglio di ieri abbiamo discusso anche di migrazioni. Ho presentato il rapporto sul lavoro che abbiamo fatto con i migration compact con cinque paesi africani, dei risultati già raggiunti e degli impegni ancora da realizzare, insieme ai nostri partner africani e all’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (con la quale ieri abbiamo firmato un piano da 100 milioni per progetti comuni). Poche ore prima del Consiglio ho accolto il presidente del Niger, Mahamadou Issoufou. Insieme abbiamo firmato accordi per 500 milioni di nuovi investimenti europei in un paese chiave per la stabilità della nostra regione: investimenti per lo sviluppo, l’educazione (soprattutto delle bambine), l’occupazione e la sicurezza. Qui la nostra conferenza stampa, qui quella con il direttore generale dell’Oim William Lacy Swing. Ieri ho presentato anche al Consiglio il pacchetto di misure cui ho lavorato negli ultimi mesi per rafforzare la cooperazione europea...
Un Consiglio europeo complicato

Un Consiglio europeo complicato

Oggi prima giornata di un Consiglio europeo complicato, pochi giorni dopo il referendum con cui la maggioranza dei cittadini britannici ha scelto di uscire dall’Unione. Del risultato del voto, e del lavoro da fare ora, abbiamo parlato a lungo con il premier britannico David Cameron e lo faremo di nuovo domani, per la prima volta a 27. La Gran Bretagna ha il dovere di dare certezza ai propri cittadini e agli altri 440 milioni di europei della nostra Unione (qui c’è il video delle mie dichiarazioni all’arrivo al Consiglio). Ma il Consiglio ha deciso anche di andare avanti sui migration compacts, di cui mi ha chiesto di coordinare la realizzazione. E ancora, abbiamo discusso delle prospettive economiche dell’Europa con Mario Draghi, dei rapporti con la NATO con il segretario generale Jens Stoltenberg, alla luce del lavoro che abbiamo fatto insieme in vista del Summit di Varsavia la prossima settimana. E del ruolo dell’Unione Europea nel mondo abbiamo parlato con la Strategia globale per la politica estera, la difesa e la sicurezza che ho presentato oggi ai capi di Stato e di Governo. Di questo, e del futuro della nostra Unione, ho parlato in queste interviste (al Corriere della Sera, a Le Monde e alla Süddeutsche...
Siria, una speranza da alimentare (e poi Turchia e Argentina)

Siria, una speranza da alimentare (e poi Turchia e Argentina)

Scrivo da Buenos Aires, dove sono appena arrivata per la prima visita ufficiale mai fatta in Argentina da un Alto Rappresentante dell’Unione Europea. Incontrerò il Presidente Mauricio Macri, il Ministro degli Esteri (e mia amica) Susana Malcorra, molti altri rappresentanti del governo e di diverse realtà della società argentina. Gli ultimi due giorni li ho trascorsi tra Bruxelles e Strasburgo: ieri al Parlamento Europeo per un dibattito in plenaria sulla Siria (qui quello che ho detto in apertura e in chiusura del dibattito), e per la riunione settimanale del College della Commissione. Lunedì tutto il giorno (e parte della notte) al Consiglio Europeo, preceduto da un incontro con il Primo Ministro turco Ahmet Davutoğlu per discutere delle possibilità di gestione comune di un flusso di rifugiati senza precedenti, che riguarda tanto la Turchia quanto l’Unione Europea, ed altri paesi della regione (sarò in visita in Libano e Giordania nelle prossime settimane). Per me, l’incontro è stato anche l’occasione per discutere con le autorità turche della necessità di rafforzare il cessate il fuoco in Siria e lavorare affinché i negoziati a Ginevra possano riprendere; ma anche della necessità per la Turchia di rispettare gli standard europei sullo stato di diritto e sui diritti fondamentali, a partire dalla libertà di stampa e di associazione, e di affrontare la necessità di riprendere il processo di pace con i curdi. Di questo ho parlato anche con Selahattin Demirtaş, leader del principale partito di opposizione, durante l’incontro del Pse che ha preceduto il Consiglio Europeo (in basso a destra nella foto qui...