Di ritorno dagli Stati Uniti

Di ritorno dagli Stati Uniti

Scrivo di ritorno dalla mia visita di due giorni a Washington, la prima dall’insediamento della nuova amministrazione. È stata l’occasione innanzitutto per aprire un canale di comunicazione diretto, dopo i primi contatti telefonici, e presentare le priorità dell’Europa. Ma soprattutto per iniziare a definire insieme in quali campi possiamo avere approccio e interessi comuni: le grandi crisi internazionali a partire dalla Siria e dall’Ucraina, la piena attuazione dell’accordo sul nucleare iraniano, la lotta contro il terrorismo. Vi sono temi su cui, invece, potremo non essere d’accordo, che si parli di libero commercio, di cambiamento climatico o di multilateralismo. Come Unione Europea, non potremo che avere un approccio pragmatico, basato sui nostri valori e sui nostri interessi, in spirito di amicizia ma anche con priorità ben chiare da cui non intendiamo derogare. Gli incontri che ho avuto sono stati molto positivi. Ho trovato nei miei interlocutori, al dipartimento di Stato così come alla Casa Bianca e al Congresso, grande interesse a collaborare e rispetto per l’Unione Europea. Con il segretario di Stato, Rex Tillerson, abbiamo discusso tra le altre cose di rapporti transatlantici, di lotta al terrorismo, di Siria e Ucraina, dei piani dell’Unione Europea per rafforzare la propria difesa. I principali dossier di politica estera, a partire dall’intesa con l’Iran, sono stati anche il tema dei miei colloqui alla Casa Bianca – con il consigliere per la Sicurezza nazionale, Michael Flynn, e con il consigliere del presidente Jared Kushner – e dei numerosi incontri che ho avuto al Congresso, con parlamentari di maggioranza e di opposizione. Ho visto i senatori Jack Reed, Chris Murphy, Jeanne Shaheen e Lindsay Graham, e i...
A Malta, coi nostri partner africani e libici

A Malta, coi nostri partner africani e libici

Scrivo in viaggio verso gli Stati Uniti, dove avrò una serie di primi incontri con la nuova Amministrazione americana, a partire dal segretario di Stato Rex Tillerson e dal National Security Advisor Michael Flynn. Ne scriverò nei prossimi giorni. Ma oggi voglio raccontare innanzitutto una giornata importante di lavoro con la Presidenza maltese e con i nostri partner libici e africani. Prima all’incontro per fare il punto sul lavoro sulla migrazione che stiamo facendo insieme – Europa, Africa, organizzazioni internazionali come l’Agenzia Onu per i rifugiati (Unhcr) e l’Organizzazione per le migrazioni (Iom) – dopo il vertice di Valletta di un anno fa: smantellare le reti dei trafficanti, salvare vite, investire nello sviluppo locale. Un lavoro che inizia a dare i primi frutti, e che continueremo a portare avanti insieme. Cooperazione, partenariato, rispetto: questa è la via europea alla gestione delle migrazioni, ed è anche per questo che il nostro lavoro acquista un’importanza particolare, in un mondo che sempre più si chiude nell’illusione dei muri. Qui il video del mio intervento oggi a Malta. E il segno della cooperazione, del rispetto e del partenariato è anche quello che oggi ci ha portato a bordo della nave San Giorgio per consegnare, insieme al primo ministro maltese Joseph Muscat e al ministro della Difesa italiano Roberta Pinotti, i diplomi di fine corso al primo gruppo di guardiacoste libici addestrati dall’Operazione dell’Unione Europea Sophia. Nelle acque internazionali abbiamo in questo anno salvato più di 33.000 persone, consegnato alla giustizia più di 100 sospetti trafficanti, reso inutilizzabili quasi 400 imbarcazioni. Ora, con la formazione della guardia costiera libica, rafforzeremo la capacità dei nostri partner di operare nelle acque...
Una conferenza a Bruxelles per il futuro della Siria

Una conferenza a Bruxelles per il futuro della Siria

Scrivo in viaggio da Strasburgo, dove abbiamo tenuto la riunione settimanale del Collegio dei Commissari, verso Davos, dove da stasera parteciperò ad alcune sessioni del World Economic Forum e farò una serie di incontri bilaterali con interlocutori istituzionali e partner internazionali. In giorni in cui l’attenzione mediatica si concentrerà su una complicata transizione dell’Amministrazione statunitense, il nostro lavoro resta incentrato sul ruolo che l’Unione Europea gioca, e continuerà a giocare, nella nostra regione e nel mondo. Per la pace, la sicurezza e la stabilità. A cominciare dalla Siria, su cui abbiamo lavorato ieri a Bruxelles durante il Consiglio Affari Esteri. La nostra iniziativa regionale per preparare il futuro del paese continua, in stretto collegamento con le Nazioni Unite e tutti i paesi della regione, che hanno mandato le loro delegazioni a Bruxelles in questi giorni per discutere di come facilitare insieme la transizione politica, processi di riconciliazione, e aprire una fase di ricostruzione del Paese. Abbiamo anche deciso che l’Unione Europea, insieme alle Nazioni Unite, ospiterà a Bruxelles in primavera una conferenza internazionale sul futuro della Siria e della regione. Sarà innanzitutto un incontro politico, per provare a chiudere questi sei anni drammatici di conflitto ad aprire il capitolo della transizione e ricostruzione. Ma sarà anche l’occasione per rafforzare il sostegno umanitario ad una popolazione stremata, dentro e fuori i confini della Siria. L’Unione Europea investe più di chiunque altro per aiutare i siriani, e continuerà a farlo: proprio questo, ed il fatto che non siamo parte in causa nel conflitto, ci dà una credibilità che oggi siamo pronti ad usare anche per facilitare una soluzione politica della crisi....
Dodici cose da portare nel 2017

Dodici cose da portare nel 2017

Primo giorno dell’anno, tempo di bilanci e propositi per i mesi che verranno. Il 2016 è stato un anno molto difficile, e il 2017 si apre con un terribile attacco a Istanbul che ci ricorda in modo drammatico che il lavoro da fare – per sconfiggere il terrorismo, così come per mettere fine ai troppi conflitti della regione – è un lavoro da fare insieme. Insieme, cercando e costruendo ogni giorno l’unità delle nostre comunità; e insieme ai nostri partner, iniziando dai nostri vicini. L’anno che inizia non sarà facile, ma ci sono alcune cose che siamo riusciti a costruire nel 2016 e che possiamo portare con noi per aiutarci lungo la strada. Questi sono i dodici momenti che porto con me, per guidare il lavoro di questo 2017.   Una Strategia Globale per la nostra politica estera È stata il frutto del lavoro di mesi, che si è concluso in un momento molto particolare.  I cittadini della Gran Bretagna avevano appena votato per lasciare l’Unione Europea. Alcuni pensavano fosse meglio aspettare tempi migliori, ma per me era ancora più importante, proprio in quelle ore, delineare una Strategia condivisa, di tutta l’Unione, per la nostra politica estera e di sicurezza comune. Così, dopo mesi di un grande lavoro collettivo, ho presentato la Strategia Globale al Consiglio Europeo del 28 giugno: un’idea chiara e condivisa sul percorso da seguire, sui bisogni dei nostri cittadini, su ciò che dobbiamo cambiare e – anche e soprattutto – sulla nostra forza, che dobbiamo usare in modo più orgoglioso e consapevole, insieme, da europei. Da giugno a oggi la Strategia Globale ha già iniziato a...
Ricordando Shimon Peres, costruttore di speranza

Ricordando Shimon Peres, costruttore di speranza

Scrivo di ritorno da Gerusalemme, dove abbiamo onorato la memoria di uno dei più grandi uomini di pace del nostro tempo, Shimon Peres. Io l’ho incontrato per la prima volta nel 2002, insieme a una piccola delegazione di organizzazioni giovanili socialdemocratiche – lo stesso viaggio in cui incontrai Yasser Arafat. Rimasi colpita dal sorriso, il calore, l’umorismo, la profondità e la leggerezza, la disponibilità ad ascoltare, confrontarsi, condividere con noi pensieri ed esperienza. Lui ministro degli Esteri di Israele, noi ragazzi cresciuti nel sogno di pace degli accordi di Oslo. L’ultima volta che l’ho visto, stava per lasciare la Presidenza. Mi ha raccontato con entusiasmo i suoi progetti per il futuro, le grandi cose che avrebbe fatto con i giovani arabi e israeliani, per far crescere la speranza, la capacità di vivere insieme, la gioia di vivere insieme. L’ultima volta che mi ha telefonato, qualche mese fa, era per dirmi di quei progetti in parte già realizzati, parlare di come sostenerli. E ovviamente, per discutere di come immettere nuova vita in un processo di pace che sembra non esistere più, tra Israele e palestinesi. Mi ha sempre incoraggiata ad insistere, continuare a cercare una strada, un modo, anche apparentemente piccolo, per invertire la rotta e riaprire i canali del dialogo, della pace, della speranza. Piccoli grandi passi che portassero ai due Stati –anche quando tutti dicono che non ci sono le condizioni per farlo. Perché le condizioni si possono creare. Proprio di questo ho parlato ieri sera, a lungo, con Benjamin Netanyahu. Che oggi ha detto parole importanti, riconoscendo che c’è verità in quello che Peres ha sempre sostenuto: che...