Una cattiva notizia, e qualche risultato importante

Una cattiva notizia, e qualche risultato importante

Scrivo di ritorno da Crans Montana, in Svizzera, dove negli ultimi due giorni ho partecipato alla fase conclusiva dei negoziati su Cipro condotti dalle Nazioni Unite. Lunghi giorni e notti di lavoro, conclusi senza un accordo tra le parti. Una pessima notizia, perché la pace a Cipro avrebbe messo fine a più di quaranta anni di crisi, dimostrando una volta di più il potere della diplomazia, portando non solo stabilità e sicurezza ma anche opportunità economiche nella regione. Da domani sarà più difficile immaginare un percorso che consenta alle parti di riavviare il negoziato. Ma l’Unione Europea continua a essere impegnata per la cooperazione nella regione, e pronta ad accogliere come suo stato membro un’isola unita, riconciliata e in pace. Il resto della settimana è stato invece segnato da risultati importanti. Lunedì scorso ho invitato a Bruxelles i presidenti di Serbia e Kosovo, Aleksandar Vucic e Hashim Thaci: insieme abbiamo deciso di aprire una nuova fase del dialogo tra Belgrado e Pristina, per la normalizzazione dei rapporti e per far avanzare tutti i Balcani nel percorso verso l’Unione Europea. Qui il comunicato. E ieri, sempre a Bruxelles, Unione Europea e Giappone hanno firmato un accordo importantissimo di libero scambio e di cooperazione politica. Importante non solo perché il Giappone è un nostro partner storico e una delle più grandi economie del mondo. Insieme stiamo dimostrando che la miglior risposta ai problemi della globalizzazione non è il ritorno al protezionismo, ma la collaborazione coi nostri partner per scrivere regole migliori per tutti – con più garanzie per il lavoratori, per l’ambiente, per i prodotti d’eccellenza. Di commercio, ma anche di...
La nostra Unione, forza di pace

La nostra Unione, forza di pace

Scrivo di ritorno da Dubrovnik, in Croazia, dove ho partecipato insieme ai nostri partner dei Balcani al vertice del Processo di Cooperazione del Sud-Est Europa. Era la prima volta che un Alto Rappresentate dell’Unione partecipava a un incontro in questo formato: è stata l’occasione per ribadire che il futuro dell’Unione Europea non è a 27, e che il percorso dei Balcani verso l’Unione va avanti (qui il mio incontro coi giornalisti). Domani, a Bruxelles, ospiterò i presidenti di Serbia e Kosovo, Aleksandar Vucic e Hasim Thaci, per portare avanti il dialogo e la normalizzazione dei rapporti tra Belgrado e Pristina (qui il comunicato). L’Unione Europea è nata come progetto di pace, e continuiamo a mettere la pace al centro della nostra azione. Mercoledì scorso ero a Crans Montana, in Svizzera, per l’apertura di un nuovo giro di negoziati sulla riunificazione di Cipro: è un’opportunità storica per chiudere un conflitto che va avanti da più di quarant’anni, e l’Unione Europea è pronta a fare tutto il possibile per aiutare le due comunità a raggiungere un accordo (qui il comunicato). E sempre in tema di pace, questa settimana è arrivata una buona notizia dalla Colombia: le FARC hanno finalmente deposto le armi, mettendo fine – dopo l’accordo firmato col presidente Juan Manuel Santos nei mesi scorsi – a un conflitto che durava da oltre mezzo secolo. Qui il comunicato. Altre quattro cose importanti di questa settimana. Giovedì sera ero in Estonia, per l’inizio del semestre di presidenza estone dell’Unione Europea. Sarà un semestre dedicato in particolare al lavoro con i nostri partner dell’Europa orientale, alle migrazioni, alla cybersecurity e a continuare...
Un anno dopo il referendum britannico, una Unione più forte

Un anno dopo il referendum britannico, una Unione più forte

Scrivo dopo una settimana tra Bruxelles e Lussemburgo. È passato un anno esatto dal referendum sulla Brexit, che per molti doveva segnare l’inizio della fine dell’Unione Europea. Non solo non è stato così, ma l’Unione Europea oggi è più forte. Abbiamo capito ciò che rischiavamo di perdere – sessanta anni di pace e diritti – ma soprattutto abbiamo capito che nel mondo globalizzato non è l’illusione del “sovranismo” a proteggerci: solo insieme, come europei, possiamo riconquistare vera sovranità, proteggere e promuovere i nostri interessi e valori. E abbiamo trovato, insieme, il modo di rilanciare la nostra Unione. Sulla difesa europea, ad esempio, abbiamo costruito di più in quest’anno che nel decennio precedente: all’ultimo Consiglio europeo i 28 paesi dell’Unione Europea hanno preso decisioni storiche. Ne ho parlato oggi in una lettera al direttore di Repubblica (qui) e giovedì prima dell’inizio del Consiglio (qui le parole che ho scambiato coi giornalisti). I passi avanti di quest’anno sulla difesa rientrano nella Strategia globale per la politica estera e di sicurezza UE che ho presentato un anno fa. Lunedì ho illustrato il primo rapporto sull’attuazione della Strategia (qui il video in cui spiego i punti principali, qui la mia prefazione al rapporto, qui il mio intervento alla conferenza dell’Istituto di studi sulla sicurezza dell’Unione Europea). E sempre in tema di sicurezza, lunedì scorso – al Consiglio dei ministri degli Esteri a Lussemburgo – abbiamo adottato alcune misure contro il terrorismo. Tra le altre cose, abbiamo deciso di ampliare la rete di esperti di anti-terrorismo che lavorano nelle delegazioni europee. Ne parlo in questo articolo scritto insieme a Julian King, il Commissario per l’Unione della...
Risultati concreti sulla difesa europea

Risultati concreti sulla difesa europea

Negli ultimi giorni il lavoro è stato particolarmente intenso, con risultati importanti e concreti sulla difesa europea. Abbiamo fatto passi avanti che fino a solo un anno fa sarebbero sembrati del tutto impossibili. Giovedì scorso, a Bruxelles, è nato il primo centro di comando unico per le missioni militari europee di addestramento e assistenza: quando abbiamo cominciato a parlarne, qualche mese fa, mi sono sentita dire che ci sarebbero voluti anni. Ci abbiamo messo qualche settimana. Qui il comunicato ufficiale. Sempre giovedì ero a Saragozza, in Spagna, per inaugurare il primo centro di addestramento europeo per il trasporto aereo militare. Fino a qualche anno fa, gli equipaggi dei paesi europei dovevano andarsi ad addestrare negli Stati Uniti. Oggi finalmente possono farlo in Europa, in una struttura comune per tutti gli Stati membri, che sta già generando interesse anche fuori dall’Unione Europea. Qui il mio discorso a Saragozza. Mercoledì, invece, ero a Bruxelles per inaugurare ufficialmente il Fondo europeo per la difesa, che finanzierà progetti comuni di ricerca e di sviluppo industriale nel settore militare (qui la conferenza stampa con Jyrki Katainen). Sono tutti passi concreti e importanti verso un’Unione Europea della sicurezza e della difesa: è la risposta migliore al bisogno di sicurezza dei cittadini europei e dei nostri partner, ma anche a chi accusa la nostra Unione di essere troppo lenta e burocratica. Le cose cambiano, quando c’è la volontà di farle cambiare per il meglio. Ne ho parlato venerdì alla Conferenza di Praga sulla sicurezza (qui il mio discorso), e ieri in Finlandia insieme al presidente Sauli Niinistö (alla conferenza di Kultaranta, qui). E qui il documento sul futuro...
Di ritorno dall’Africa

Di ritorno dall’Africa

Scrivo di ritorno dall’Africa – il mio decimo viaggio in due anni nell’Africa sub-sahariana. Perché quella regione è fondamentale per l’Europa, per il Mediterraneo, per la sicurezza e la stabilità del nostro continente. Prima in Liberia, per incontrare la presidente Ellen Johnson Sirleaf – Premio Nobel per la pace e prima donna eletta alla presidenza di un paese africano – e per il vertice della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (Ecowas). È una regione dove la democrazia sta prendendo piede in modo sempre più forte, una Comunità di Stati che crede – come noi europei – che la cooperazione e l’integrazione regionale siano il miglior modo per garantire la pace e la sicurezza collettiva: lo abbiamo visto in Gambia, dove l’intervento dell’Ecowas ha consentito una transizione pacifica dopo le ultime elezioni presidenziali. Qui il mio intervento al vertice. Seconda tappa della visita è stata in Mali, un paese fondamentale per la stabilità del Sahel, del Nord Africa e del Mediterraneo, che sta cercando di risollevarsi dopo la guerra civile e di arginare la minaccia del terrorismo. L’Unione Europea dà un contributo unico alla stabilità di quella regione – e quindi della nostra regione: stiamo mobilitando aiuti umanitari, ma anche incentivi agli investimenti privati, un Fondo fiduciario per affrontare le cause che spingono uomini e donne del Sahel a lasciare le proprie case, e un fondamentale sostegno dei nostri militari ed esperti di sicurezza. Ho cominciato visitando le due missioni europee – una civile, una militare – che stanno aiutando le forze armate e di polizia del Mali a farsi carico della sicurezza del loro paese. Ho partecipato alla...