Tra i ragazzi del Cairo e i giovani leader asiatici

Tra i ragazzi del Cairo e i giovani leader asiatici

Rientrata dal Cairo, ora in viaggio da Bruxelles a Lussemburgo, dove ospiteremo per due giorni la riunione dei ministri degli esteri dell’Unione Europea e dell’Asia – 51 delegazioni per lavorare insieme sulle interconnessioni tra i nostri continenti e sulle grandi sfide globali come i cambiamenti climatici. Ma inizierò oggi pomeriggio con un incontro con i “giovani leader” delle due regioni, e sono certa che sarà come sempre il momento più bello – come è stato ieri in Egitto, dove ho vissuto con emozione l’incontro con gli studenti dell’Università del Cairo (qui il video).

Questa mattina a Bruxelles due appuntamenti importanti: innanzitutto l’incontro con il Generale Allen e la Coalizione contro Daesh, per fare il punto sul nostro impegno comune su Iraq e Siria, dopo l’incontro di Vienna della scorsa settimana.

E poi una riunione operativa con Eamon Gilmore, mio inviato speciale per il processo di pace in Colombia, che inizia oggi il proprio incarico. Perché a volte, tra le tante crisi e tra i tanti conflitti di cui siamo chiamati a occuparci, ce n’è uno che trova la strada della pace. Ed è bello e importante sostenerlo.